NAMASTE'

Namastè...
ovvero "Benvenuti" nella mia
piccola isola spensierata, dove lascio una lieve traccia della vita quotidiana e
così, settimana dopo settimana, dò vita ad un micro-diario che condivido con chi
ha voglia di leggermi, giusto per il piacere di fare della routine un sorriso
assieme a voi e osservare le cose da tanti altri punti di
vista...


mercoledì 5 giugno 2013

Il mio primo pancarrè

La colazione nella nostra famiglia è un rito. Non può mancare, non può essere scarna e sopratutto non può essere fatta di fretta (salvo rari casi eccezionali).
Ci piace concederci quella mezzoretta tutta per noi, con latte, the, biscotti (ultimamente quasi sempre fatti in casa), marmellate, burro, miele, pane, pancarrè (integrale o normale), torte, a volte qualche stuzzichino salato e la domenica ci può scappare pure l'uovo strapazzato con la fettina di bacon, che è una specialità di MonAmour (se abbiamo dormito sufficientemente, se abbiamo voglia, se abbiamo sopratutto le uova ed il bacon....).
Spero non stiate leggendo questo post verso l'ora di pranzo o cena..... :-)
Da un pò di tempo avevo voglia di cimentarmi con il pane e dopo aver provato e aver sopratutto visto la facilità che comporta, ho pensato che lo step successivo poteva essere il pancarrè, visto che da noi va a ruba e che a forza di comprarlo abbiamo probabilmente regalato qualche nuova auto di lusso a qualche famiglia-bene italiana che deve avere qualche mulino di proprietà.... ;-P
Detto fatto!



ecco a voi il mio primo pancarrè, che è stato apprezzato e che, sopratutto, ha regalato alla casa un aroma di buono che è durato un pò.
Se volete provare gli ingredienti sono:

250 gr di farina 00
250 gr di manitoba
200 gr di acqua
50 gr di latte
1/2 cubetto di lievito
50 gr di olio di semi di soia
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di sale

Come ho fatto:
ho versato in una terrina capiente acqua, latte, zucchero e lievito, ho mescolato e poi a seguire ho unito le farine, l'olio ed il sale e ho impastato. Ho lasciato lievitare per 1 ora e mezza, coprendo la terrina con un canovaccio umido.
Ho poi reimpastato il tutto su un piano infarinato e ho tirato la pasta col matterello, dopodichè ho arrotolato il composto su sè stesso fino a formare un filone che ho posizionato bello bello sullo stampo da plumcake rivestito con cartaforno e con la piega verso il basso.
Ho lasciato lievitare ancora per 1 ora e mezza (nel forno chiuso con luce accesa).
Alla fine ho infornato per 45 minuti a 180° con modalità ventilata e coprendo lo stampo con un foglio di alluminio che ho tolto 10 minuti prima della fine cottura.

Vi assicuro che rimane morbido anche dopo 5/6 giorni!
Provare per credere, fatemi sapere.

Buon appetito :-)

4 commenti:

  1. Io sono una panettiera doc...quando mi ci metto! Ma il pan carrè non lo ho mai provato. Hai visto mai che con questa ricettina...ciao Mammaeco un abbraccio dalla strana.

    RispondiElimina
  2. Complimenti!!! ha una bella faccia e sembra anche facile per come hai descritto il procedimento!! lo proverò quanto prima!
    ciao
    Sara

    RispondiElimina
  3. che bell aspetto, altro che quelli confezionati !!! brava!!
    a presto Nahomi

    RispondiElimina
  4. @strana: c'è sempre una prima volta, no?!
    @Sara: se lo provi fammi sapere! :-)
    @Nahomi: sai cosa?il profumo...ahhhh quello è ineguagliabile e dà una gran soddisfazione, ciao cara

    RispondiElimina

Grazie per i vostri pensieri

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...